laser e gengivite.png

Laser Dentale

 

lI laser,L (Light) A (Amplification) by S (Stimulated) E (Emission) of R (Radiation) è un dispositivo che produce un raggio di luce monocromatica (di un unico colore), coerente e collimato. Esistono diversi tipi di laser, con diversi mezzi attivi (solido, liquido o gassoso), con diverse lunghezze d'onda e quindi con diversi campi di applicazione.
 Nello specifico abbiamo scelto il laser a Diodi per i nostri pazienti in quanto
consente di  trattare le patologie orali offrendo un sicuro comfort alle persone che affrontano le cure e una grande efficacia terapeutica.



Principali effetti biologici:

• Coagulazione

• Azione antibatterica

•  Azione biostimolante
    sul tessuto mucoso, connettivale ed osseo promuovendone
i processi di riparazione e favorendo in tempi più brevi e in modo migliore il processo di guarigione




 


Applicazioni cliniche

In parodontologia, che si occupa delle malattie a carico dei tessuti che concorrono al "sostegno ed alla fissazione del dente", il laser, grazie al suo potere battericida, riesce a ridurre la quantità di flora batterica sub-gengivale: decontamina cioè le tasche parodontali e risulta molto efficace nella cura della "piorrea", una diffusa infiammazione cronica dei tessuti attorno alla radice del dente che, nei casi gravi, può portare alla perdita del dente stesso.

In implantologia
, lo utilizziamo con successo per la terapia delle perimplantiti (infezione a carico dei tessuti perimplantari causa principale della perdita di impianti osteointegrati) e nella "riapertura" di impianti sommersi da mucosa gengivale

Nella piccola chirurgia orale ( es frenulectomia orale , gengivectomie, rimozione neoformazioni (fibroma, epulide) , incisione e drenaggio degli ascessi , sterilizzazione dei canali fistolosi etc..)  , utilizzando il laser, si ottiene la diminuzione del dolore, l'eliminazione dell'anestesia, del sanguinamento e della sutura. 
La guarigione è veloce e priva di complicazioni, il taglio e l'asportazione sono facilitati: la parte da trattare, priva di sangue, è di facile gestione.
Risulta pertanto indicato anche nei pazienti portatori di Pace-maker e in pazienti affetti da coagulopatie o in terapia con antiaggreganti e/o anticoagulanti
.

 

Terapia parodontite mini invasiva con laser a diodi - 

4069697 (1).jpg





L'uso del laser permette una cura tempestiva ed efficace di herpes labiali e afte.


 In endodonzia, che si occupa delle malattie relative alla polpa dentale, la fibra ottica del laser, grazie alla sua sottigliezza e flessibilità, è ottimale nella decontaminazione dei canali radicolari durante le devitalizzazioni (cure canalari). Aumentano notevolmente i successi endodontici e diminuiscono le complicazioni (granulomi - lesioni apicali).  


Cura delle lesioni cariose (anche di grande entità): consente di decontaminare e "vetrificare" il tessuto dentario, eliminando l'ipersensibilità dentale e le fastidiose sensazioni di caldo e di freddo, anche dopo l'esecuzione di otturazioni profonde. 



Desensibilizzazione: il laser è efficace per desensibilizzare i denti ipersensibili - ed in particolare i colletti esposti da retrazione gengivale o i monconi vitali , prima di ricoprirli definitivamente con i manufatti protesici (corone e ponti).